mercoledì 15 novembre 2017

La biondina non è donna da strada ...

... infatti è donna da fuoristrada.

La passione per la natura in generale e la montagna in particolare ha sempre accompagnato la biondina, e si è accentuata in questi ultimi anni. Era quindi inevitabile che, dopo essere passata dalla bici da corsa alla MTB, passasse dalle corse su strada ai trail.
Non stai (ancora) parlando di skyrunning o di ultratrail (anche perchè per questo genere di cose ci vuole quantomeno preparazione fisica e tecnica difficilmente compatibile con le possibilità attuali), ma di onestissime corse attorno ai venti chilometri collinari.

E con questo spirito (spulciando l'elenco delle gare nel circondario e tenendo d'occhio le per voi abbastanza comode colline pavesi e piacentine), negli ultimi mesi la biondina ha scovato e ha partecipato alle seguenti tre gare +1:

Ceresino Night trail - Calvignano (PV) 15/07/2017
Riferimento Facebook qui.
15 km 700 mD+
Gara serale con arrivo all'imbrunire, e quindi luce frontale obbligatoria (primo acquisto di un certo livello).
Per questo giretto siete andati anche te e il bimbo assieme al cane, per godervi la passeggiata di 7 km nelle stesse colline.
Bellissima serata per tutta la famiglia, con unico problema che non vi siete potuti gustare la festa di paese all'arrivo perchè l'invasione di zanzare (contro la quale non eravate adeguatamente preparati) vi ha fatto scappare.

Traccia Garmin e foto.







Scuropasso Trail - Cigognola (PV) 08/10/2017
Riferimento Facebook qui.
17 km 600 mD+
Qui si ritorna alla normalità, nel senso che se va uno, l'altro deve rimanere a casa, ma lei è fortunata e ha sempre compagnia.
Infatti ha condiviso il viaggio con Angelo, altro runner del vostro paesello, e sul posto c'erano altri due ragazzi che conosceva, che, anche se non hanno corso tutto il tempo con lei, per lo meno hanno accompagnato tutta la mattinata.

Traccia Garmin e foto.






Arquato Trail - Castell'Arquato (PC) 15/10/2017
Riferimento Facebook qui.
22 km 800 mD+
All'interno del circuito Trail Challenge Valli Piacentine (assolutamente da tenere d'occhio l'anno prossimo), la biondina espatria in Emilia per una corsa più tecnica con partenza ed arrivo all'interno dello splendido castello.
Mattinata passata in compagnia della zia stordita che si è corsa il percorso light e del Ciro, il tronista del running nostrano.

Traccia Garmin e foto.






Quattro Chiese Trail Test Day- Verzi di Loano (SV) 12/11/2017
Riferimento Facebook qui.
17 km 1.100 mD+
Questo è quel +1 che hai nominato in premessa, nel senso che lei non ha partecipato alla gara (che tra l'altro sarà domenica prossima) ma il sabato prima si è aggregata al Test Day: quella simpatica iniziativa che servirebbe ai vari campioni a provare il percorso in modo da affinare la tattica di corsa per la vittoria, ma che più banalmente permette, a chi non può partecipare alla gara, di farsi una bella sgambata in compagnia su percorsi che altrimenti non potrebbe mai fare in quanto non conosce i luoghi.


Con la scusa, si è organizzata una gita in giornata (accompagnata dalla zia stordita che non vedeva l'ora di condividere, se non la corsa, almeno una mezza giornata al mare) e si è sparata i 450 km di strada andata e ritorno in Liguria.
Quindi, dopo una mattinata a respirare iodio e mangiar focaccia con le olive, si è trovata in una frazioncina nell'immediato entroterra con due organizzatori ed un altra decina di persone per correre a passo controllato sui sentieri là dove le Alpi diventano Appennini.

Traccia Garmin e foto.





Ora, cosa ha imparato la biondina da queste gare in sterrato?

Che ci sta dentro, molto più che in gare veloci come le mezze maratone, infatti i tempi finali e la classifica di categoria cono molto lusinghieri.

Che lo zainetto Salomon ADV Skin comprato usato su subito.it è una figata.



Che visti gli importati dolori muscolari nei giorni successivi (e fino a quando i muscoli non si saranno abituati a questo tipo di sforzo) il migliore amico del trailrunner è l'amminoacido ramificato o simili alla fine della gara.

Che l'hastag più ricorrente per il 2018 della biondina sarà #passionetrail

venerdì 3 novembre 2017

Laus Half Marathon - Lodi 29/10/2017

Domenica scorsa terza edizione, e per la terza volta ti ritrovi a correre su strade che puoi considerare di casa.
Qui e qui le altre tue partecipazioni.

Come le altre volte, nell'oretta tra il parcheggiare la macchina e lo start incontri, saluti, abbracci e conosci tante di quelle persone che bastano a compensare tutte le altre gare dell'anno in cui ti trovi da solo. Senza considerare poi  gli amici che non corrono, e sul percorso si trovano anche solo per salutare o incitare.
Per te, ancora una volta, la mezza di Lodi è una festa.

Queste sono le foto che hai fatto prima e dopo la partenza.


... e in mezzo c'è tutto il resto.
Che anche qui, tranne alcuni tratti, di solito sei abituato a gareggiare da solo, perchè trovare un amico che abbia il tuo stesso passo o il tuo stesso obbiettivo, è oggettivamente difficile.
Ma stavolta c'era il Batta ...

Il buon Ironbatta è il tuo compagno di allenamento usuale per le uscite di bici e spesso anche per la corsa. Ma mentre per la bici siete molto omogenei come rendimento (forse tu hai qualcosa in più come passo in pianura, ma nei tratti collinari siete sempre appaiati), correre con Marco è per te oggettivamente difficile: lui è uno con PB nella maratona sotto le tre ore. Quindi è uno che se si impegna ha un passo sulla mezza di una decina di secondi in meno al chilometro, anche in un momento particolare come questo dove sta uscendo da un infortunio piuttosto importante che l'ha tenuto fermo per un po' di mesi e gli ha impedito di fare una stagione di triathlon decente.
Stavolta però, bontà sua, ha deciso che aveva voglia di correre insieme, per godersi la giornata.
Quindi avevate stabilito, con te che stai preparando una maratona, di adottare un passo media attorno a 4'40", per poi vedere come va ed eventualmente accelerare.

Solo che i primi chilometri parti un po' veloce per toglierti dalla calca, poi c'è quella discesa che ti fa accelerare, poi mentre chiacchieri non ti accorgi di essere troppo allegro, poi "adesso rallentiamo", poi "hai fatto trenta facciamo trentuno", e alla fine ti ritrovi a finire la mezza in 93 minuti (passo 4'26" al km), a tanto così dal tuo PB.



Ma al di la del risultato sportivo, questa verrà ricordata come la mezza della stupidera.
Te e il batta vi siete divertiti come dei bambini a chiamare l'applauso del pubblico quando c'erano più di dieci persone a bordo strada, a regalare la tipica Posa da Esaltato™ a tutti i fotografi sul percorso, a condividere in diretta facebook gli ultimi cinquecento metri della corsa, al grido di #sonbonpù.


E infine a passare sotto il traguardo urlando a squarciagola.


Questa è la corsa che ci piace.
Questa è passione e condivisione. 

domenica 1 ottobre 2017

Preparazione e pianificazione

L'hai letto su uno di quei fumetti iconoclasti e sboccatissimi di Garth Ennis:

"Una buona preparazione e pianificazione,
ti evita di fare la figura del coglione"

che rapportato al mondo del running si traduce pressappoco così:


Le famose dodici settimane di paura in preparazione di una maratona sono cominciate il 18 settembre e ti porteranno il 10 dicembre a Reggio Emilia.
Anzi, qui non ti porta nessuno da nessuna parte, sei tu che devi far lavorare le tue gambette.

La tabella qui presente l'hai riesumata dall'ultima volta che avevi fatto la maratona di Piacenza, e ti era piaciuta. Allora ti aveva portato ad un buon risultato, anche se in verità non l'avevi seguita con la dovuta costanza e perseveranza. Ti sembra un buon compromesso tra l'allenamento specifico per la maratona e la tua voglia / esigenza di fare anche altro. E' frutto di esperienza tua e dei tuoi conoscenti mischiata con la bibliografia basica del maratoneta, e si basa su tre allenamenti durante la settimana (lento, ripetute e medio o progressivo) più un lungo la domenica da alternarsi tra un 21 o un lunghissimo dai 25 ai 38 chilometri.
A questi devi aggiungere naturalmente i due allenamenti a nuoto, e nel giorno libero se puoi esci in bici.

Dopo quattro anni e mezzo (e due interventi alle ginocchia) hai deciso che il tempo è maturo per affrontare ancora quella brutta bestia che è la maratona. Nel frattempo non hai certo battuto la fiacca, anzi hai partecipato a gare ancora più lunghe nel triathlon, ma questo ritorno alla distnza lunga in corsa un poco ti inquieta.
E nello specifico la paura è legata all'aspettativa.
Cioè, stai parlando di tue paure legate alle tue aspettative, che qui non devi dimostrare niente a nessuno, ma non per questo puoi star sereno.
Tra un mese e mezzo circa potrai essere un po' più preciso per quanto riguarda il tuo obbiettivo cronometrico finale, ma adesso hai in mente un tempo sotto il quale puoi ritenerti soddisfatto. E questo tempo limite è molto inferiore al tuo PB.
E' giusto questo limite?
Stai interpretando bene i segnali del tuo corpo?
Sarai all'altezza dell'idea che hai sul tuo valore come maratoneta?
Basterà tutta la dedizione che saprai buttarci dentro?
Perchè, come ben sai, spesso preparazione e pianificazione non bastano.
Ci vuole anche culo.

venerdì 22 settembre 2017

Vacanze part-time

Oggi è il primo giorno d'autunno, l'estate è finita (e un anno se n'è andato, parafrasando Michael e Johnson) già da un pezzo, figurarsi se ti ricordi ancora le vacanze.
Però un post consuntivo così, tanto per rimembrare i bei posti che avete visto, puoi permettertelo.
La premessa è che da un paio d'anni a questa parte non potete fare delle vere e proprie ferie, ma soltanto due/tre notti per volta, visto che i nonni non sono più autosufficienti per più di una manciata di ore ed hanno bisogno di costante aiuto. Niente più vacanze di una settimana, e questo elimina definitivamente tutte quelle cose tipo prendere l'aereo, la nave, o anche solo andare all'estero.
Ma comunque, con un po' di organizzazione, si può fare delle belle vacanze.


Il primo pezzo è stato a luglio, quando avete passato due notti in Val Pusteria per la gara della Dolomiti Superbike della biondina. Ne raccontavi qui e in effetti, a parte l'eccessiva brevità della cosa, è stato una parentesi molto bella. I posti sono veramente entusiasmanti e siamo vicini alla vacanza perfetta, con l'unico problema di essere troppo lontani da noi per sfangarla in un weekend. Cinque ore per arrivarci sono troppi per poterli ammortizzare in pochi giorni.
Ma piuttosto che niente ...

Per il mese di agosto, era necessario trovare una sistemazione simile a quella dell'anno scorso, dove avevate affittato per tutto il mese un monolocale a Finale Ligure, che con due ore di autostrada arrivi comodo e puoi rilassarti in spiaggia o fare un po' di sport di quello che piace a voi.
La biondina ha un portafoglio di amiche pieno di persone splendide, e se anche qualcuna ha una personalità improbabile (la zia stordita in primis, ma non solo), sono tutte gentili e generose. E' questo il caso della Ro che vi è venuta incontro e, visto che lei nel mese di agosto non la utilizzava, vi ha dato a disposizione le chiavi del suo bilocale nella periferia di Pietra Ligure.
Sistemazione ideale per voi, e per tre volte avete percorso i 210 km che separano casa vostra dalla riviera con in macchina il cane e due bici da corsa.
Questa cosa che per la prima volta siete andati al mare con Billy, vi ha costretti a non usare la classica spiaggia libera, ma lo stabilimento balneare apposito aperto agli animali. Il piccolo si è comportato bene, anche se ha espresso l'avversione tipica per l'acqua della sua razza (non è mica un labrador), e voi avete avuto l'occasione di conoscere cani e padroni di tutti i tipi.



Vi siete fatti tanti bei giretti in bici e di corsa.


Menzione speciale per una bella gita a Monaco, che sentir parlare francese ti piace un casino, e poi Montecarlo è una città bellissima nei suoi estremi.


Ma oltre al mare, il bimbo si è fatto altri cinque giorni di montagna, di cui tre senza i suoi genitori.
Il suo amico del cuore Ale (ne parlavi già due anni fa di amicizie infinite) è stato un mese in montagna a Rabbi (TN) prima con i nonni, poi con i suoi genitori, e per fargli una sorpresa nell'occasione del suo compleanno, il Luca è andato con mamma Loredana e papà Lorenzo il primo agosto in montagna con loro. Bella sfida per lui stare senza genitori o nonni per qualche giorno, ma con loro è stato come essere in famiglia.
Si racconta di partite a pallone infinite, di chiacchierate che non smettevano fino nel cuore della notte, di letti matrimoniali espropriati per non separarsi neanche a dormire, di appetiti insaziabili, di docce comuni e di risate sguaiate.


Poi venerdì 4 agosto siete andati su anche voi per passare una notte in un B&B lì vicino e tornare poi a casa il sabato sera.
Sono stati due bei giorni dove avete fatto una bella passeggiata nei dintorni, una cena epica in malga e una gita in funivia ai tremila metri nel paese vicino di Pejo.


E quindi questo primo giorno d'autunno lo hai passato a ricordare l'estate e a fare taglia e incolla di foto del mare e della montagna. Niente male.

lunedì 11 settembre 2017

Granfondo di Casteggio (PV) - 10/09/2017


Per la seconda parte di questa stagione agonistica finora abbastanza soddisfacente, hai deciso che basta triathlon, torniamo alla bici e alla corsa.
Se per la corsa a piedi sei ancora molto indietro (che sono mesi che non corri più di 20 km, anche se sono previsti botti per la stagione autunno/inverno) per la bici in questi mesi estivi ci hai dato dentro discretamente, e quindi avevi deciso qualche tempo fa che avresti partecipato alla prima edizione della GF di Casteggio, organizzata dal gruppo del tuo paese (a cui eri iscritto qualche anno fa).

Purtroppo anche stavolta eri da solo, che la biondina (per quella antipatica storia che non riuscite a fare qualcosa insieme, a meno di sforzi organizzativi immensi) ha corso settima scorsa la GF Scott si Piacenza (come avevate fatto insieme due anni fa) insieme a Agostino, SpeedyBikers che si sta appassionando alla bdc.

E quindi domenica scorsa ti sei presentato alla partenza con l'idea di provare finalmente a fare il percorso lungo di una granfondo, che in questo caso si trattava di 130 km e 2.300 metri di dislivello. Una bella sfida dal tuo punto di vista, che non hai mai corso per così tanti chilometri tutti in una volta (può sembrare strano ma è così: sei solo chiacchiere e chip).

Succedaneo della foto in zona cambio

Ma tra il dire e il fare c'è di mezzo la pioggia (oltre a e il), anzi il nubifragio che nei due giorni precedenti ha costretto gli organizzatori ad intervenire più volte sul percorso anche a pochissime ore dalla partenza (alberi abbattuti, voragini aperte sull'asfalto) e addirittura a tagliare l'ultima salita del percorso per frana.
Che dopo otto mesi di siccità, è divertente che l'acqua si concentra tutto in poche ore a rompere le borracce, no?
Ti presenti in griglia con molte titubanze: ti è già capitato di pedalare sotto la pioggia scrosciante quest'anno al triathlon medio di Lovere, ma almeno era giugno, faceva caldo e comunque all'interno di un triathlon ti passa di più.
Dai, partiamo che poi al bivio decidi cosa fare.

Fino a quattro giorni prima uscivi in bici con la canottiera.

... e niente, al bivio hai girato per la corta.
Non stava piovendo forte, anzi, a dirla tutta di pioggia non ne hai presa molta, ma la situazione a Montalto Pavese, in cima alla prima salita, era questa:

Fonte: PlayFull.it

Non te la sei sentita.
Che già sei una capra a guidare la bici (e in effetti in una discesa nella seconda parte della gara eri troppo veloce e hai fatto un lungo pericolosissimo finendo per sconfinare nella corsia opposta, fortuna che non c'erano macchine), in queste condizioni per te il rischio non valeva la candela.
Con il senno di poi, forse ti dichiari pentito della tua scelta: potevi osare di più, che tanto eri in ballo... ma va bene così.

Alla fine sei abbastanza soddisfatto della tua prestazione: sei nella comodissima metà classifica (51° su 101 partiti sulla mediofondo) e hai spinto bene sia in salita che nella lunghissima seconda metà del tracciato in discesa/falsopiano.
Tra l'altro, viste forse le previsioni, l'esordio della prima edizione, il fatto che è forse troppo in là in stagione, vattelapesca, purtroppo si sono presentati alla partenza "soltanto" 164 atleti. Questo fatto (oltre ad essere un vero peccato in rapporto allo sforzo organizzativo profuso) si è trasformato per te che non corri con i più bravi, ma nemmeno nelle retrovie, in una gara quasi in solitaria. Se questa cosa nella prima parte non è stato un problema, un po' di aiuto nella seconda metà l'avresti ricevuto volentieri, invece di partecipare ad una granfondo no-draft.


All'arrivo hai avuto la felice sorpresa di una lussuosissima doccia calda (evento piuttosto raro nella tua personale esperienza) e un pasta party ottimo e abbondante dopo una fila pari a zero secondi.
E, con calma, dopo aver bevuto un caffè nel bar di fianco quasi vuoto, essere arrivato alla tua macchina parcheggiata a 100 metri dall'arrivo, ti sei mosso verso casa mentre cominciava ad arrivare la seconda parte del diluvio che è continuato poi per tutto il pomeriggio.
E' bastato questo a farti apprezzare enormemente le gare poco partecipate!

A parte gli scherzi, ti sei divertito molto, e l'appuntamento con una vera granfondo dal chilometraggio importante è solo rimandata all'anno prossimo.

lunedì 28 agosto 2017

Buon primo compleanno, Billy!

Tanti auguri a teeee,
tanti auguri a teeeeeeeee ...

Cominciamo da un simpatico aneddoto.
Quando a gennaio siete andati a fare una gita di due giorni al mare, su facebook hai postato un selfie di voi tre con il cane Billy (con voi da poco meno di un mese) con la scritta: Il primo selfie in tre e mezzo.
Qualche ora dopo hai dovuto modificare il post specificando che il mezzo è il cane, perchè qualcuno (in perfetta e comprensibilissima buonafede) aveva preso la frase come un annuncio un po' sghembo dello stato interessante della biondina.


Al tempo vi siete fatti una sana risata (il secondo figlio? No, no, #megliointre) ma in effetti, dopo qualche mese in cui Billy è entrato in casa vostra, un approfondimento va fatto.

Quando (in una fredda e buia sera di dicembre) siete andati a prenderlo, per scegliere tra i tre cani della cucciolata non avevate altro criterio se non la fortuna. Billy e i suoi due fratelli erano fisicamente identici.
E in quei dieci minuti in cui siete stati in quella stanza, non hanno dato particolare segno di interesse per i nuovi arrivati umani; continuavano a giocare tra di loro, prendendo in bocca tutto quello che trovavano.
Billy è stato l'unico che, mentre li chiamavate, ha provato ad avvicinarsi almeno un poco a voi.
Sembrava il più tranquillo.
... sembrava.
Poi si è visto come è finita, con un piccolo uragano per casa totalmente fuori controllo e talmente spericolato da rompersi una zampa saltando.

Ad oggi, piccolo inventario dei danni che ha creato (che tra cose che ha completamente distrutto o solo rovinato, non si salva nulla): matite, mollettoni per capelli, pupazzetti, calzini, mutande, cover del cellulare, giochi vari del Luca, il cinturino di un tuo orologio, pupazzi magnetici da frigorifero, soprammobili vari, il vostro copriletto ...
Poi, questi sono i suoi giochini (quelli attualmente in uso, perchè molti non sono più esistenti in quanto distrutti), che potete trovare dappertutto: nella sua cuccia, sui vostri letti, in cortile, nel piatto doccia.

Quel ratto enorme è leggermente inquietante.

Tra questi quello che usa più spesso è quella specie di cordone con la palla di gomma attaccata. E' già il terzo che gira per casa (perchè gli altri li ha già distrutti), e lui, oltre a morderlo là dove la plastica è più dura, per portarlo in giro se lo infila come una cravatta. DA SOLO.


Poi c'è da riportare il sistema che avete trovato per la notte. Perchè lui è talmente biondina-dipendente, che dormirebbe sempre nel vostro letto attaccato a tua moglie, e allora la sera, dopo il giretto in cortile per i bisognini, devi dividere la zona giorno dove dorme lui dalla zona notte con una rete metallica bloccata da dei pesi. E alla mattina, appena sente suonare la tua sveglia, si precipita appoggiato alla rete (che se non ti alzi alla svelta a toglierla, ti sveglia anche il quartiere a fianco).
Quindi si fa gli ultimi dieci minuti di coda del sonno in mezzo a voi due. Addio intimità mattutina ...

Che ci tocca fare ...

Ma al di là di tutti questi aspetti più o meno simpatici, c'è da dire che Billy è diventato un pezzo della vostra famiglia.
Dispensa leccate e affetto in quantità enorme, e vi stupisce sempre con la sua intelligenza e vitalità.

Buon primo compleanno Billy.
Grazie per essere il nostro migliore amico.


mercoledì 16 agosto 2017

Triathlago Sprint - Osiglia (SV) 13-08-2017

Erano passati più di tre anni dalla tua ultima partecipazione ad una gara sprint. Precisamente in Val Tidone a Nibbiano nel giugno 2014.
Ma a pensarci bene, non è che non hai più gareggiato perchè lo sprint non ti piaccia, solo che impegnare una giornata intera per fare una gara di poco più di un'ora, ti sembra di perdere tempo.
Ci voleva un'occasione speciale.
E' arrivata in vacanza.

Poi ne parlerai, ma anche quest'anno le tue vacanze le stai facendo a rate, in piccole porzioni di tre giorni alla volta, e stai andando a Pietra Ligure (SV).
Già l'anno scorso, durante le tue splendide uscite in bici da corsa nelle Alpi marittime, eri passato sulle rive del laghetto di Osiglia, ma stavolta hai fatto in modo di essere presente il giorno dello sprint, organizzato dal triathlon Savona.


Accompagnato stavolta da tutta la famiglia, hai finalmente potuto attendere la partenza della tua gara con calma e tranquillità, ed entrare in zona cambio già bardato a puntino.


Subito la svolta della gara. L'uso della muta è facoltativo, e la temperatura dell'acqua, anche se siamo a 750 m sul mare, è perfetta per nuotare anche con il solo body. Visto che si tratta di solo 750 m, decidi che il tempo perso a togliere la muta non vale la candela della spinta idrostatica dello stessa, e, a differenza della maggioranza dei partenti, la muta la lasci nello zaino.
Forse non la tua pensata migliore.
A tua discolpa si dirà che la distanza totale è stata di un chilometro e non di tre quarti, ma alla fine 20'19" tra nuoto e T1 non sono 'sto gran tempo. Soprattutto se aggiungiamo la spiacevole sensazione di essere superati a velocità doppia dalle ragazze partite nella batteria successiva alla tua.


Poi, come al solito, sulla bici ti diverti come un matto.
Percorso a bastone, andata in discesa e ritorno in salita, con alcuni tratti in falsopiano.
Tiri il gruppo quando sei in piano, in discesa qualcuno ti passa, ma in una salita relativamente pedalabile come questa, da farsi quasi tutta con il 52, ti sei preso le tue soddisfazioni superando secchi quelli che prima facevano i fenomeni.

La corsa è stata una buona prova, considerando che nel percorso a bastone nel lungolago hai affrontato un totale di sei salite non impegnative, ma che facevano assomigliare la frazione ad una corsa in montagna.
La progressione finale è stata veramente entusiasmante, e arrivato al traguardo ti sei pentito di non aver cominciato a spingere prima, perchè eri convinto di averne ancora tanta.


La classifica finale ti piace veramente tanto: 71° su 250 partecipanti totali, ma soprattutto 11° tra i 37 partecipanti della categoria M1
Ma la cosa di cui vai più fiero è che, dopo esserti messo lì a fare tutti i tuoi bravi conti sui tempi intermedi, hai fatto registrare il 46° tempo assoluto in bici.
A 43 anni, in una classifica dominata da YoutB, Junior e Senior.


La gara durante il periodo di ferie, è proprio quella ciliegina sulla torta della vacanza ideale.

giovedì 3 agosto 2017

Aronam3n - 30/07/2017 Arona (NO)

Fare tre sport uno dietro l'altro è complicato, ma a te sembrava non bastare.
Allora stavolta ti sei inventato la frazione zero e hai fatto diventare uno sforzo enorme anche il solo arrivare alla partenza.


Mezzo ironman di Arona, a cui hai già partecipato due anni fa, con un buon risultato.
E anche stavolta come allora sei partito all'alba di domenica scorsa per poter partecipare, che star fuori a dormire una notte è abbastanza complicato da organizzare. Ma a peggiorare la situazione c'è che almeno due anni fa c'era anche la biondina ad accompagnarti, mentre stavolta eri in perfetta solitudine.
Macchina pronta al sabato sera con bici e zaino già caricati, e la gentilissima addetta dell'organizzazione che ti attende all'apertura della zona cambio alle 5,30 di domenica mattina con il tuo pettorale, perchè la consegna pacchi gara viene effettuata per tutti solo il pomeriggio del sabato.
Solo che devi aver combinato non sai quale pasticcio con la sveglia del cellulare e invece di suonare alle quattro (4 di notte!!) non ha proprio suonato. Sei lì nella fase più profonda del sonno che la biondina ti sveglia di soprassalto: sono le cinque.

Panico & bestemmie.

In trenta secondi ti passa per la testa tanta di quella rabbia e frustrazione che non pensavi possibile.
Dovevo essere lì adesso.
Ci vuole un ora e un quarto ad arrivare, non ce la farò mai.
Che coglione!
Vado lo stesso, magari riesco a partire con le ultime batterie.
Ma cosa vado a fare, mi arrendo.
Vado solo a ritirare il pacco gara e me ne torno a casa.
Dai, forse ce la faccio ...
Deciso che l'ultima impressione è quella che conta, parti e ti fiondi in autostrada. Sperando che non ci fossero autovelox e infrangendo decine di articoli del codice della strada, arrivi in poco meno di un'ora. Trovi parcheggio subito, anche se piuttosto lontano dalla partenza, ma non hai tempo di pensarci: sono le 6,25 e la tua batteria parte alle 6,50.
Arrivi alla segreteria e ti fai dare la busta con il pettorale, il pacco gara non hai tempo di ritirarlo.
La zona cambio ha appena chiuso, ma ti fanno entrare ancora vestito come sei partito da casa.
Posizionata la bici ti metti in angolino a indossare il body e la muta, che essendo già tutto sudato è un'impresa complicata.
Non trovi il deposito borse, e perdi altri minuti preziosi correndo come un pirla con la muta calata in vita.
Arrivi alla partenza e ti fai aiutare con la zip della muta quando ormai siete già con i piedi in acqua.
Il giudice di gara da il via che tu ti stai mettendo ancora occhialini e cuffia.
Praticamente parti che sei già stanco.
Uff ...

Sei talmente stordito (e naturalmente non hai potuto assistere al briefing) che non ti accorgi che il nuoto comprende due giri con uscita all'australiana, e alla prima uscita, come si vede nella foto, ti sei tolto occhialini e cuffia tra gli sguardi divertiti e perplessi degli altri atleti e del pubblico che ti avevano inquadrato per quel ciuoto che sei.


Alla fine 37 minuti per i 1.900 m sono un buon risultato.

La zona cambio è un delirio quanto è stretta (come avete notato, questa è l'unica volta che non hai la classica foto della bici pronta, ma non ne avevi il tempo).

Sei soddisfatto del tempo in bici (pochi secondi di differenza rispetto al tempo di due anni fa): hai spinto bene nella prima parte in pianura sul lungolago, hai superato senza affanno la prima salita importante del percorso, e hai tenuto botta in tutta quella serie di strappi e rilanci della seconda parte.
E hai ottenuto la benedizione del sancarlone a pochi chilometri dall'arrivo.


Ma come accade troppo spesso ultimamente (ci dovrai lavorare molto per le prossime gare) il disastro è stata la corsa. I primi tre giri passano senza infamia ma con un continuo peggioramento del passo medio, che da 4'45" arriva a 5'15". Ma poi ti si spegne la luce, e devi camminare per troppo tempo nell'ultimo giro.
Il caldo, certo, e la frazione impegnativa in bici, ma soprattutto il fatto di essere partito già stanco alla mattina, di non esserti potuto alimentare bene (nella concitazione ti sei perfino dimenticato di preparare i gel per il run) e soprattutto la frazione zero che ti ha tolto energie e tranquillità.


Tempo finale di 5h 22' e la conferma della confort zone della metà classifica.
Non sarebbe neanche troppo male come risultato, ma non puoi assolutamente esserne contento.
Con una frazione run appena decente, potevi portare a casa dieci minuti in meno.


Ma alla fine, se conti che già il fatto di essere riuscito a partire è un ottimo risultato, è tutto ok.



P.S.
... e comunque si, sei un coglione!

lunedì 17 luglio 2017

Mini vacanza in Val Pusteria

Ricorda un po' quello che è successo un anno e mezzo fa a Firenze, quando il Max e la biondina hanno corso la maratona e le due famiglie insieme ne hanno approfittato per una minivacanza e per tifare i due eroi. Solo che te avevi un febbrone da cavallo, il bimbo è stato male tutta notte e anche la biondina era piuttosto fuori forma. Poi il risultato sportivo lo hanno portato a casa lo stesso, ma quella gita in casa tua è ricordata con un po' di fastidio.
... ecco, stavolta è andata molto meglio.

Venerdì pomeriggio eravate voi tre più la zia stordita, e la famiglia di Jacopo, l'altro SpeedyBikers che ha condiviso la gara con la biondina. Tra l'altro suo figlio Matteo è in classe insieme a Luca, quindi non vedevano l'ora di incontrarsi e fare una minivacanza insieme. E questo è un'ottima cosa, che un ottenne, se ha un compagno di giochi con cui va d'accordo, è meno fastidioso.

Dopo un viaggetto tranquillo ma per niente rilassante (che sono comunque quattro ore comode, mica la strada dell'orto) arrivate a Brunico all'ora di cena. Alloggiate in pieno centro, in zona a traffico limitato all'hotel Krone.
C'è solo i tempo di sistemare le valige, cenare e fare una passeggiata per il centro. Non conoscevi il paese e pensavi che le sue dimensioni più da cittadina che da paese fossero un difetto ma invece è proprio splendida, con le sue chiese tipiche, il castello, la passeggiata al cimitero di guerra e il centro da cartolina.
Bonus: in una delle piazze centrali quella sera c'era un concerto della banda di paese; non hai potuto fermarti molto ad ascoltarli, ma erano fichissimi nei loro costumi tradizionali e dei gran manici musicalmente.


Il giorno dopo la biondina e Jacopo partono presso per andare alla partenza a Villabassa ad incontrarsi con gli altri SpeedyBike, che alla fine erano un bel gruppetto di dieci ciclisti (solo una femmina) e quasi tutti hanno alloggiato insieme in un appartamento comune. Tipo colonia estiva di ragazzi.


Voi ve la siete presa più comoda e dopo giro a pisciare il cane (eh già, c'è anche Billy), abbondante colazione, struscio nel paese per negozietti e salto in panetteria, vi spostate anche voi per quella mezz'oretta di macchina verso l'arrivo della gara.
Villabassa probabilmente negli altri 364 giorni dell'anno è un sonnecchioso paesino, ma il giorno della gara è leggermente incasinato: parcheggi enormi appena fuori dal pese, tensostrutture e stand ovunque che vendono la qualunque abbia un minimo interesse per il cicloamatore, elicotteri di emergenza, televisioni nazionali e non. E ovunque mountain bike.
Passate un paio di ore prima in un prato appena fuori dal paese a godervi il panorama, poi vi avvicinate all'arrivo per fare il tifo agli Speedy tutti e ai vostri due eroi in particolare.


La biondina ha già scritto un pò di impressioni sulla gara a questo link.
L'unica cosa che hai da dire tu è che con una giornata simile, un'organizzazione di questo tipo e un percorso così bello tra queste montagne, ti è venuta una voglia di MTB che è meglio che non ci pensi.

Vista la giornata bellissima dal punto di vista meteorologico, e visto che i due atleti sono sì stanchi, ma hanno ancora addosso la botta di adrenalina che li sostiene, decidete di passare qualche ora al lago di Dobbiaco. Un piccolo paradiso in terra dove i tre più giovani della cumpa (almeno nell'animo) si fanno anche un bel giro in pedalò.


Tornati in albergo i tre giovanotti di prima si fanno anche una mezz'oretta di piscina e si va a cena.
La serata purtroppo finisce lì, perchè mentre state mangiando si scatena un temporalone di breve durata, ma che vi fa restare seduti al bar a bere amari e a chiacchierare.
I bambini invece in camera a giocare con le carte Pokemon, raus!

La domenica mattina ti prendi un'ora solo per te e alle sette vai a correre.
Il primo pezzo accompagnato dalla zia stordita, poi in perfetta solitudine sulla pista ciclabile che attraversa tutta la val Pusteria in direzione est.
Non è stato un allenamento per il prossimo mezzo ironman.
... cioè, anche, che dodici chilometri con salite non si buttano via. Ma più che altro è stato, nel suo piccolo, un entrare nella natura per annusarla, guardarla, viverla e sudarla.


Poi il resto della giornata, prima di incolonnarvi sulla Brennero in direzione casa (che il traffico della domenica pomeriggio è importante, e ci avete messo un'ora in più dell'andata), lo passate attorno al lago di Braies. Il tempo è rimasto comunque buono, a dispetto delle previsioni della vigilia, e avete fatto una bellissima passeggiata. L'unico neo della giornata è che l'area era zeppa di turisti, e nei punti in cui il sentiero si stringeva, bisognava disputarsi la precedenza.
Vabbè, qui di foto c'è solo l'imbarazzo della scelta, tra ritratti seri e stupidate.


Per concludere: come (quasi) sempre capita, la gara sportiva è si un appuntamento importante per chi la disputa, ma è anche un'ottima scusa per una vacanza spettacolare, spesso in compagnia di buoni amici.

martedì 11 luglio 2017

Dolomiti SuperBike - 08/07/2017 Villabassa (BZ) - Il racconto della biondina

Almeno una volta l'anno lasci la tastiera volentierissimo all'altro pezzo della famiglia per raccontare risultati sportivi importanti.
Quest'anno tocca addirittura alla MTB, perchè l'appuntamento clou per lei è una delle più importati gare a livello internazionale in uno degli scenari più spettacolari al mondo. Se ne parlava qui.
Brava biondina!




Un'emozione indescrivibile, dal primo all'ultimo chilometro.
La pelle d'oca, anche con un caldo insolito per la montagna, non mi ha mai abbandonata.
Le tante paure di non essere all'altezza spazzate via dai paesaggi mozzafiato.
La gestione in solitaria che mi spaventava vissuta invece come un viaggio interiore dove si dimenticano le cose brutte.
Il crederci quando nei falsi piani spingi alla grande ed in salita superi un bel po' di griglie rosa con la consapevolezza che poi nelle discese tecniche ti riprendono.
Termino questa esperienza con un tempo di tutto rispetto (4h 04' considerando un ingorgo che mi rubato quasi dieci minuti giù dalla bici) con il sorriso sulle labbra.
Ho esplorato la leggenda.
Un particolare grazie alla mia famiglia (Billy compreso) che mi ha accompagnato ed incoraggiato
.. e che dire, il mio sogno più grande: rifarlo con mio marito.
Grazie anche a Jacopo e alla sua famiglia per la compagnia in questi due giorni, alla mia amica Monia sempre presente alle mie avventure ed agli Speedy Bike che mi hanno convinta a partecipare.



giovedì 22 giugno 2017

Papà e figlio alla "gara" di nuoto

Ma per te che sei abituato a gare che durano cinque ore e mezzo come quella di due settimane fa, una gara che dura 39 secondi l'avevi mai fatta? No, vero.
Ecco, domenica te e il bimbo avete esordito nel fantasmagorico mondo delle gare di nuoto.
E lui ti ha bastonato.


E' già dall'inizio della stagione di nuoto che il tuo coach Federico ti incalza con la proposta di partecipare a qualche gara di nuoto del circuito master che si tengono durante l'anno nelle vicinanze.
Tu hai sempre rifiutato, perchè di impegni sportivi il sabato e la domenica ne hai già a bizzeffe, senza dover perdere mezze giornate nelle strutture sportive delle città attorno, e poi fondamentalmente perchè in acqua sei una schiappa.
Fin quando si tratta di fare un paio di km di nuoto a stile nella prima frazione di un triathlon (magari con la muta), te la porti a casa, ma fare un 50 o 100 metri con tuffo, virata e cuore in gola, non è alla tua portata. Immaginatevi addirittura una gara  con uno stile diverso o misto. Cioè, è uno sport completamente diverso da quello che affronti solitamente tu.

Ma quest'anno, per la chiusura dell'anno di scuola nuoto, gli istruttori si sono inventati 'sta cosa della manifestazione finale, che inevitabilmente ha la forma e il sapore della gara. Principalmente servirebbe per i bambini e i loro genitori, ma in coda si "esibiscono" anche i partecipanti al corso di nuoto per adulti e i master.

Prima parliamo però del bimbo. Il duo Fede e Laura ti avevano già detto durante l'anno che il bimbo era bravo, e volevano spostarlo nella corsia di quelli più evoluti. Ma lui, che a farlo uscire dalla sua confort-zone gli viene il coccolone, aveva nicchiato, adducendo la scusa che non voleva lasciare solo il suo amico Ale. Attraverso garbate minacce siete riusciti a trovare un compromesso, e gli ultimi due mesi si fa almeno gli ultimi dieci minuti di lezione nella vasca dei grandi. In queste ultime settimane lo stimolo per migliorarsi è stato che si doveva allenare per la gara, ed è sembrato funzionare. Negli ultimi giorni pensava solo alla "gara" e a come sarebbe finita.

Alle due e mezza si presentano in vasca un'orda di bambini e in cinque batterie in ordine crescente di livello di nuoto, si esibiscono tutti nella loro corsia di 25 metri. Nelle prime batterie naturalmente c'era chi si faceva aiutare dagli allenatori e chi usava i braccioli o i galleggianti.
Poi nella penultima batteria si presenta il bimbo.


Al di là del tempo di reazione paragonabile a quello di un bradipo (dopo il via, guarda con occhio interrogativo la Laura in acqua come a dire: che devo fare?) ti sembra che nuoti benino: bello allungato e con una bracciata efficace. Certo, l'anno prossimo dovrà lavorare principalmente sulla respirazione, ma sei contento di come l'hai visto.
Speri ardentemente che questa esperienza, compreso il fatto di essere arrivato quasi primo nella sua batteria, lo faccia appassionare al nuoto e che gli dia qualche stimolo in più in questo senso, perchè ora come ora preferisce giocare a calcio, e il nuoto lo fa una volta alla settimana solo perchè hai insistito tanto.


Finiti i ragazzi ci sono gli adulti e poi il main event del pomeriggio: la batteria dei master.
Come dicevi prima, due vasche da fare praticamente in apnea. Il fiato e la forza non ti mancano, quello che latita totalmente è lo stile.
Infatti alla partenza succede esattamente quello che temevi: col tuffo si spostano gli occhialini e te li ritrovi all'altezza della bocca per tutti i cinquanta metri, dandoti anche dei problemi con la respirazione.
Inoltre, visto che la visuale è approssimativa, sbagli totalmente la virata.
Arrivi quarto, a dieci secondi dal primo (che, per onor di cronaca, ha la metà dei tuoi anni e un passato recente di agonista).
Probabilmente vali di più di quei 39 secondi, ma comunque ti sei divertito lo stesso.


Avresti anche il video della performance, ma preferiresti evitare ...

Comunque, il bimbo si è divertito molto, te pure, e vorresti cogliere l'occasione per ringraziare pubblicamente coach Federico e tutto il suo staff di ragazzi giovani, simpatici e competenti.

Viva i Nuotatori Milanesi!
Viva la piscina di Sant'Angelo Lodigiano!